È stato il primo tra tutti i gruppi che si è costituito ufficialmente all’interno del Grup Artistic Furlan – Medioevo a Valvasone (era il 1994). Il gruppo si è specializzato nella ricerca degli antichi mestieri e questo ha portato alcuni Soci anche a ricostruire strumenti e modi dell’epoca persi nella nebbia dei tempi. Nell’insieme, le diverse attività artigianali seguono un percorso filologico sia per quanto riguarda i materiali usati che le tecniche e contribuiscono ad animare e rendere vivo l’evento, così da dare la sensazione allo spettatore, durante la Rievocazione, di stare a osservare un artigiano del Medioevo intento nel proprio lavoro quotidiano.
Da non sottovalutare, poi, un altro aspetto: non si tratta di meri figuranti. Al visitatore spiegano per filo e per segno quello che stanno facendo, dando così un valore didattico alla dimostrazione. Mostrano al contempo quali erano nel Medioevo le difficoltà e la perizia necessaria per realizzare i manufatti. Il ventaglio di mestieri e ambienti ricreati e proposti è vario e comprende l’intagliatore del legno-intarsiatore, l’armaiolo, la filatrice, l’impagliatore, la tintoraia, il mosaicista, la feltraia, il battiferro, il battirame, il cestaio, l’orafo, la tessitrice, lo scriptorium. Quest’ultimo si presenta come un capanno che dà ospitalità a un monaco benedettino che spiega ai visitatori le varie fasi di realizzazione di un manoscritto del 1300. Molto suggestiva pure la filiera della lana (dalla tosatura fino alla tintura del filato), l’arte del chiacchierino (utile per i corredi delle spose), il mestiere del cartaio (si va dallo sminuzzamento delle fibre vegetali alla macerazione passando per la setacciatura, sgocciolamento, stesura e asciugatura).
Da menzionare poi l’opera delle lavandaie, un gruppo di donne di San Lorenzo che nelle varie edizioni mette in scena il non facile lavoro del lavaggio dei panni, secondo gli antichi usi. Il loro scorcio, ricreato a lato della roggia che passa per il centro, è tra i più fotografati e caratteristici della Rievocazione. Il gruppo degli artigiani, è da sempre inoltre molto attivo nella partecipazione alle uscite del Grup Artistic Furlan nelle varie manifestazioni. Sono decine e decine le località che li hanno ospitati tra cui in regione Gorizia, Palmanova, Strassoldo, Pordenone e Splimbergo, fuori regione Desenzano sul Garda, Montichiari e pure fuori dall’Italia, a Simbach a. Inn.