Spettacolo Cena Medioevo a Valvasone

Il Medioevo a Valvasone negli anni

Una lunga storia insieme.

La cronologia delle edizioni della manifestazione

Dal 1993, la seconda settimana di Settembre, Valvasone è teatro naturale per una ricostruzione storica ambientata nel Medioevo e che prende il nome di “Medioevo a Valvasone”.

Il Grup Artistic Furlan è il sodalizio che organizza questa kermesse con un duplice intento: innanzitutto, far conoscere come si viveva ai tempi di Dante e Boccaccio; contestualmente promuovere uno dei centri storici meglio conservati dell’intero Friuli.

Insediamento dei Conti di Cucagna a Valvasone – Prima rievocazione storica incentrata sulla nascita del casato dei di Valvasone.
Vita e attività nella contea – La vita quotidiana al centro dell’attenzione della rievocazione storica: non solo sfarzosi cortei ma la più reale vita di tutti i giorni.
Leggi e regolamenti giuridici, Conseguenze della peste – Un processo che realmente si è tenuto a Valvasone e il racconto di cos’era la peste del 1348.
Incendio nel Borgo – Magia e musica – A causa di un atto di ritorsione l’intero borgo nel 1363 fu incendiato.
La fede e la spada. Marcellino da Cosa parte per le crociate.
Venus et vinum – Il passaggio di un misterioso cavaliere che ama combattere vestito da donna.
Il pellegrino – I pellegrinaggi erano il più delle volte originati dalla volontà di espiare qualche colpa… così accadde anche a Valvasone.
Rosa fresca e aulentissima – La donna la centro dell’attenzione. Poteva essere nobile, religiosa o popolana e i lupanari esistevano anche al tempo dei cavalieri.
Sii tu lieto d’esser bovo – La stragrande maggioranza della popolazione viveva nel medioevo grazie all’agricoltura.
Aqua vitae – Acqua eterna fonte di vita ma anche di morte.
Focus, terra, caelum et aqua – Forse nel medioevo non si guardavano le stelle?
S’i fosse fuoco, arderei ‘l mondo – Il fuoco, elemento di distruzione, e il gioco, irrinunciabile anche nel medioevo.
Oberammergan – La Genesi e l’Apocalisse.
Omnes homines, omnes creatures – Il tema della nuova Rievocazione verte sulla figura di San Francesco.
‘l mondo sol di lui canta e favella – La leggenda di S. Giorgio e il drago.
Pape Satàn, pape Satàn aleppe – Il borgo medievale apre le sue vie ai luoghi dell’Inferno, ispirandosi a quella summa dell’immaginario medievale che è la prima cantica della Commedia di Dante Alighieri da Firenze.
Lo monte che salendo altrui dismala – La grande e ardua scalata del monte del Purgatorio, ispirandosi alla seconda cantica della Commedia di Dante Alighieri da Firenze.
Diligite iustitiam – qui iudicatis terram – Il mondo medievale si eleva nelle ruote celesti del Paradiso, ispirandosi alla terza cantica della Commedia di Dante Alighieri da Firenze.
E ‘l mondo et li animali – Il Medioevo a Valvasone compie un altro passo alla scoperta dell’uomo medievale e lo fa attraverso i suoi fidati compagni e i suoi antagonisti: gli animali.
Inimico tempo correndo – Ci si è ispirati al Decameron del Boccaccio. Un’opera ambientata in un’Italia in cui i traffici del mondo mercantile, delle banche e degli affari si stavano espandendo comprendendo l’intera Europa. In quel contesto, scoppiò la terribile pestilenza del 1348.
Les secrez dou Graal – Come si può intuire, protagonisti dell’edizione 2013 sono stati i cavalieri medioevali. A partire dai romanzi di Chrétien de Troyes, la corte di re Artù diventa l’ambiente privilegiato delle avventure dei cavalieri e il Graal la meta finale di quella grande ricerca che non riguarda le cose terrene bensì quelle celesti.
Lignum vitae – Protagonista di questa edizione del Medioevo a Valvasone è l’albero della vita, tema ispirato e costruito attorno ad un affresco tardo trecentesco presente all’interno del castello in cui, tramite delle immagini sui rami vengono narrate le fasi della vita dell’uomo.
Festum baculi – Anche per questa edizione della manifestazione lo spunto  è dato un affresco tardo trecentesco presente nel castello in cui si vede un asino seduto su un trono, cinto da un montello, e un lupo; scena che riconduce alla Festa dei Folli. Il tema si rifà quindi allo scettro tenuto in mano da colui che “dirigeva” la Festa dei Folli.
De libro di messer Marco Polo – Protagonista dell’edizione 2016 è il celebre libro “Il Milione” in cui Marco Polo narra il suo viaggio alla corte del gran Khan. Un racconto che parte da Venezia e arriva all’estremo oriente che ha sempre affascinato milioni di lettori.

2013

?

2016

De libro di messer Marco Polo – Protagonista dell’edizione 2016 è il celebre libro “Il Milione” in cui Marco Polo narra il suo viaggio alla corte del gran Khan. Un racconto che parte da Venezia e arriva all'estremo oriente che ha sempre affascinato milioni di lettori.

2015

Festum baculi – Anche per questa edizione della manifestazione lo spunto è dato un affresco tardo trecentesco presente nel castello in cui si vede un asino seduto su un trono, cinto da un montello, e un lupo; scena che riconduce alla Festa dei Folli. Il tema si rifà quindi allo scettro tenuto in mano da colui che “dirigeva” la Festa dei Folli.

2014

Lignum vitae - Protagonista di questa edizione del Medioevo a Valvasone è l’albero della vita, tema ispirato e costruito attorno ad un affresco tardo trecentesco presente all’interno del castello in cui, tramite delle immagini sui rami vengono narrate le fasi della vita dell’uomo.

2017

?

2016

De libro di messer Marco Polo – Protagonista dell’edizione 2016 è il celebre libro “Il Milione” in cui Marco Polo narra il suo viaggio alla corte del gran Khan. Un racconto che parte da Venezia e arriva all'estremo oriente che ha sempre affascinato milioni di lettori.

2015

Festum baculi – Anche per questa edizione della manifestazione lo spunto è dato un affresco tardo trecentesco presente nel castello in cui si vede un asino seduto su un trono, cinto da un montello, e un lupo; scena che riconduce alla Festa dei Folli. Il tema si rifà quindi allo scettro tenuto in mano da colui che “dirigeva” la Festa dei Folli.

2014

Lignum vitae - Protagonista di questa edizione del Medioevo a Valvasone è l’albero della vita, tema ispirato e costruito attorno ad un affresco tardo trecentesco presente all’interno del castello in cui, tramite delle immagini sui rami vengono narrate le fasi della vita dell’uomo.

  • Chiostro Gaudente

    Chiostro Gaudente

    Taverne

  • “Taberna” Spilimbergo

    “Taberna” Spilimbergo

    Taverne

  • Baccanalia

    Baccanalia

    Taverne

  • Admola

    Admola

    Taverne

  • “Taberna” Errante

    “Taberna” Errante

    Gruppi

  • Scriptorium

    Scriptorium

    Gruppi

  • Lavandaie

    Lavandaie

    Gruppi

  • Fabbro

    Fabbro

    Gruppi

  • Gabellieri

    Gabellieri

    Gruppi

  • Refugium Pecatorum

    Refugium Pecatorum

    Taverne